Sessioni Medianiche

https://www.alifeinlight.com/wp-content/uploads/2018/04/heavenstairway.jpg
Sessioni Individuali

La medianità è la capacità dell’uomo di ospitare dentro al proprio corpo (in senso ampio di struttura umana) entità di altre dimensioni.

Avviene dunque attraverso l’incorporazione, che può essere totale o parziale, a seconda della necessità.

L’obiettivo principale dell’incorporazione è quella di portare al cliente la totalità della portata vibratoria e quindi di guarigione dell’entità che si incorpora, che verrà scelta in base alle esigenze specifiche.

Vi sono diverse dimensioni ”abitate” da diverse tipologie di entità, che hanno ovviamente specifiche frequenze vibratorie, e anche diverse “competenze”. Ecco perché sarà appunto il medium che richiamerà dentro di sé entità di una specifica matrice piuttosto che di un’altra, a seconda di ciò che il cliente necessità.

Ogni trattamento sarà unico poiché ogni entità ha una personale modalità di manifestazione e un personale modo di portare guarigione, laddove il cliente necessità di ricevere guarigione in quel momento.

Anche attraverso l’incorporazione, come anche attraverso altre tecniche di guarigione, il raggio d’azione è a 360 gradi, e comprende quindi tutti i piani dell’essere umano, (emozionale, fisico, mentale ed energetico) inclusi aspetti karmici e dharmici.

Attraverso l’incorporazione si può entrare in contatto anche con i propri cari che hanno lasciato il corpo (defunti), salvo che siano ancora vicini alla nostra dimensione, avendo scelto di mettersi al servizio di guida per i cari che stanno ancora vivendo la propria esperienza dell’incarnazione presente. La finalità in questo caso è quella di poter avere l’occasione di risolvere questioni in sospeso, ricevere messaggi che sono utili per portare guarigione, pace e sollievo, e per poter proseguire nella propria vita con la consapevolezza che niente si perde, ma semplicemente si trasforma.

Vi sono svariate modalità per incorporare, la tecnica che io utilizzo  è una antica tecnica atlantidea usata dai sacerdoti dell’Età dell’Oro di Atlantide.